Italia - Repubblica - Socializzazione

Condividi

La sezione video viene aggiornata costantemente

 

 

Video girato da MAB, in risposta alle ultime dichiarazioni del sig. Renato Brunetta

relativamente alla questione Israelo-Palestinese:

 

https://www.youtube.com/watch?v=dP48c5Xgd2k

 

 

Per una più agevole consultazione del sito, elenchiamo gli ultimi aggiornamenti:
 
(in ordine cronologico di pubblicazione)

 

Data

Titolo Sezione
16/9/2014 MSI: il grande inganno - Maurizio Barozzi (pdf) Scarica files
12/9/2014 Questione palestinese e disinformazione Notiziario
3/9/2014 Commemorazione trucidati di Vigoponzo (AL)  (21/9/2014) Appuntamenti
3/9/2014 Visita alla Tomba dei Caduti di Rovetta  (21/9/2014) Appuntamenti
21/8/2014 Con il "Che": sempre e comunque! Notiziario
19/8/2014 La rete "Nemo", Romualdi e altre ricerche Notiziario
19/8/2014 La rete "Nemo", Romualdi e altre ricerche - Franco Morini (pdf) Scarica files
10/8/2014 10 giugno 1940: le vere motivazioni della guerra italiana (pdf) Scarica files
4/8/2014 Solaro e Bombacci: gloria e fondamenta del fascismo e vergogna del MSI Notiziario
29/7/2014

Il pacifinto (e contemporaneo elogio del pacifista)

Notiziario
19/7/2014 Brunetta pro-israele la satira
28/6/2014

La bufala del "Che" Guevara ebreo

Notiziario
28/6/2014

Note al video sul "caso Matteotti" di G. P. Pucciarelli e U. Croce

Notiziario
24/6/2014 Il delitto Matteotti Notiziario
19/6/2014 Storia della FNCRSI (pdf) Scarica files
16/6/2014 Abdul, lo scemo delle milizie salafite la satira
28/5/2014 25 aprile 1945: la trattativa all'Arcivescovado - Maurizio Barozzi (pdf) Scarica files
27/5/2014 La strategia della tensione - Maurizio Barozzi (pdf) Scarica files
27/5/2014 La strategia della tensione - Maurizio Barozzi (word) Scarica files
20/5/2014 Morte di Mussolini: fine di una vulgata - Maurizio Barozzi Scarica files
9/5/2014 Ucraina: "camerati" con le rune o ratti al soldo dell'occidente? Notiziario
28/4/2014

28 aprile 1945: assassinarono Benito Mussolini

Notiziario
28/4/2014 Arma letale ... ovvero ... la cambiale sociale libri
24/4/2014 Commemorazione eccidio di Rovetta Appuntamenti
23/4/2014 L’agguato di via Fani Scarica files
22/4/2014 20 aprile 2014: giorno dei Lavoratori ... Notiziario
18/4/2014 Facciamola finita con l’Europa Notiziario
14/4/2014 Mussolini risponde «me ne frego!» Notiziario
6/4/2014 Misteri, verità e bufale nel sequestro Moro Notiziario
4/4/2014 Tremonti la satira
4/4/2014 Passera la satira
4/4/2014 Mari e monti la satira
4/4/2014 Gli uomini e le opere la satira
2/4/2014 Barak e le terre occupate! la satira
17/2/2014 Recensione di Maurizio Barozzi a "Segreto Novecento" libri
21/1/2014 Para Bellum libri
13/1/2014

Chi ha condotto l’Italia al disastro militare e politico? - Alberto Mariantoni

Scarica files
13/1/2014 Rompere la gabbia (Bologna, 18/1/2014) Appuntamenti
2/1/2014 "Segreto Novecento" - Giampaolo Pucciarelli libri
2/1/2014

Solinas Costantina Ved. Malfettani... Presente!

Appuntamenti

2014

10/11/2013 Calendario della Memoria 2014 Calendario Memoria
10/9/2013 MSI: il grande inganno Scarica files
1/9/2013 Controcorrente - Anno 1973, n° 7 Controcorrente
31/8/2013 Controcorrente - Anno 1973, n° 9 Controcorrente
30/8/2013 Controcorrente - Anno 1973, n° 5 Controcorrente
29/8/2013 Controcorrente - Anno 1973, n° 4 Controcorrente
28/8/2013 Controcorrente - Anno 1973, n° 2 Controcorrente
27/8/2013 Controcorrente - Anno 1972, n° 11 Controcorrente
25/8/2013 Combattenti, studenti, lavoratori (1972) volantini
25/8/2013 Per il referendum, invitiamo a votare "NO" (1974) volantini
25/8/2013 Via i colonialisti yankee-sionisti (19??) volantini
25/8/2013 Controcorrente - Anno 1972, n° 12 Controcorrente
24/8/2013 Controcorrente - Anno 1972, n° 10 Controcorrente
9/8/2013 EmmeRossa - Settembre 1966 EmmeRossa
7/8/2013 FNCRSI_Bollettino - Anno IV nn. 8-9-10 (Luglio 1971) FNCRSI Bollettino
6/8/2013 FNCRSI_Bollettino - Anno III n° 4 (Settembre 1970) FNCRSI Bollettino
6/8/2013 FNCRSI_Bollettino - Anno III n° 3 (Maggio 1970) FNCRSI Bollettino

.

 

Gianpaolo Pucciarelli

"Segreto Novecento"

Edizioni Capire (2014)

 

 

Un libro non solo importantissimo, ma una ricerca determinante per decodificare la nostra storia recente. Un opera unica di grande valore, di cui abbiamo avuto spesso qualche accenno nei video YouTube di G. Pucciarelli e G. Vitali.

   

Dalla presentazione dell’autore:

 

Mi sono ripromesso di raccogliere in questo libro alcune osservazioni riguardanti le fasi di sviluppo della società occidentale, nel periodo compreso tra i primi anni del Ventesimo Secolo e il secondo dopoguerra. Prima fra tutte, quella che mi ha permesso di rilevare il persistente contrasto fra il presunto trionfo del liberalismo democratico e le "regole" dell’economia di mercato.

Ho cercato di non ancorarmi al criterio riduttivo, adottato da Eric Hobsbawm nel suo "Il Secolo Breve", pretendendo un excursus analitico che va oltre i limiti temporali, precisati dallo storico inglese: il 1914 e il 1991, e segnala tre date altrettanto fondamentali: il 1910, l’anno in cui a Jeckill Island è ideato e perfezionato il piano di attuazione del "Federal Reserve System"; il 1913, alla fine del quale il Congresso degli Stati Uniti vota a favore del Vreeland-Aldrich act e il Presidente Thomas Woodrow Wilson lo approva; e il 1905, l’anno del primo tentativo rivoluzionario bolscevico, sostenuto dalla Casta Finanziaria di Wall Street, che poco prima ha finanziato generosamente il Giappone, affinchè la sconfitta della Russia nella guerra russo-giapponese del 1904-1905, agevoli l’instaurazione del governo comunista nella terra dello Zar.

Le svolte cruciali del "Novecento" avvengono, sì nel 1914, l’anno in cui il "Potere" che domina a Washington decide di far deflagrare una guerra totale che dovrà diffondere ovunque il sistema usurocratico per assumere il controllo dell’economia mondiale e sottoporre al proprio arbitrio la politica monetaria di ogni nazione; ma la fase determinante del piano finanziario messo in atto a Wall Street si colloca nel 1919, allorché la conferenza di pace di Parigi stabilisce lo schema geopolitico più congeniale all’affermazione su scala planetaria del sistema economico liberista angloamericano, che trova i suoi efficaci strumenti nella Federal Reserve Bank di New York e nella City Londinese.

È il 1917 tuttavia, l’anno in cui si registrano il successo della rivoluzione bolscevica e la prestazione della garanzia britannica per la costituzione dello Stato ebraico in Palestina. Il termine "Usurocrazia", coniato da Ezra Pound, indica  il sistema che trova tuttora concreta applicazione nella gestione monetaria, affidata a banche private, per la creazione della cosiddetta "moneta-debito". Questo sistema, operante dal dicembre del 1913 negli Stati Uniti è presto dilagato in tutto il mondo occidentale, grazie alla connivenza con una leadership politica, che obbliga lo Stato a emettere certificati di credito del Tesoro, ogniqualvolta la Banca Centrale decide di emettere un equivalente ammontare di moneta, e a consentirne la negoziazione sui mercati finanziari internazionali (Wall Street in particolare) nell’esclusivo interesse dei Grandi Investitori (Banche e Gruppi finanziari) dando luogo a fenomeni come la privatizzazione dei profitti e la socializzazione delle perdite. L’inesausto propulsore di questo sistema è il debito pubblico,che non è affatto "scritturale", come sostengono i cultori della teoria monetaria moderna, ma concreto e, spesso insostenibile.

Come opporsi a questo sistema della Casta Finanziaria Usuraia? La risposta non è semplice, visti i precedenti. Ci provò Benito Mussolini, nella seconda metà degli Anni Venti, presentando la Carta del Lavoro e le linee essenziali dello Stato Corporativo, ispirato ai principi della Carta del Carnaro, enunciati da D’Annunzio e De Ambris nel 1920, dopo l’impresa di Fiume.

Ci provò Adolf Hitler nel 1933 e nel 1939, varando la legge che nazionalizzava il capitale della Banca Centrale tedesca.

Entrambi i tentativi ebbero scarsa fortuna, come è noto.

Il liberalismo fa grandi promesse in politica, anche se spesso tollera le dittature compiacenti, mentre riesce sempre più difficile dimostrare se un logoro rivestimento democratico sia ancora sufficiente a nascondere l’ormai secolare tirannia che, in nome della libertà, si esercita nel campo economico.

Liberazione fu il pretesto per scatenare una guerra totale, il cui vero fine era: eliminare due indisciplinati Capi di Stato che non vollero adeguarsi al "sistema".

 

G. P.      

 

 

(va al video con la presentazione del libro)

 

Il libro può essere richiesto direttamente all'Autore:

cotbwp@alice.it

 

da     

http://www.ilribelle.com/la-voce-del-ribelle/2013/1/25/mario-consoli-ecco-come-e-per-colpa-di-chi-non-siamo-piu-sov.html

Mario Consoli:

«Ecco come, e per colpa di chi, non siamo più sovrani sulla moneta»

 

Sovranità monetaria: ecco le tappe fondamentali con le quali la abbiamo perduta. Ed ecco nomi e cognomi dei responsabili principali.

Intervista effettuata da Valerio Lo Monaco, direttore de "La voce del Ribelle" al direttore editoriale de "L'Uomo Libero"

.

 

Giorgio Vitali

condivide una playlist di video su YouTube

.

novembre

2013

Il caso Licio Gelli,un pozzo di San Patrizio

(Fergnani, Vitali, Croce)

 

Il maestro

(Giorgio Vitali)

.

.

.

 

Cominciamo con qualcosa di piccolo... ma, in questo mondo governato dal capitale, efficace: quando andate al supermercato, nei negozi, nei mercati controllate la provenienza dei prodotti che acquistate.
 

Se il codice a barre riporta il numero 729 non comprateli.
Cominciamo a togliere qualche arma a chi ne sgancia a tonnellate sulla popolazione palestinese.

.

.

La FNCRSI non è strutturata

 

La FNCRSI non è strutturata e quindi non ha cariche di alcun genere. Nè ad honorem e nè elettive. È costituita da un gruppo di persone che da tempo hanno abbandonato l'idea di una qualsiasi forma di pseudo organizzazione (dato il numero sempre più esiguo, per ragioni anagrafiche, degli aderenti) che però sono rimaste fedeli ai princìpi fondamentali ai quali si ispiravano tutti o quasi i combattenti della RSI nel dopoguerra. Proprio per queste ragioni, e di fronte all'infittirsi di Associazioni di vario genere e di varia provenienza culturale ideologica e politica, spesso arricchite di finanziamenti d'incerta origine, intendiamo dimostrare palesemente la nostra sostanziale libertà, di pensiero e di azione, senza la quale non si può essere credibili. Come capita a tanti, fortunatamente, di questi tempi. Il sottoscritto, pertanto, è solo il portavoce della Federazione e tale spera di rimanere per poter diffondere al meglio il "nostro" pensiero.

Il nostro sito è a disposizione per la pubblicità presso i nostri lettori di libri, opere audiovisive, DVD e CD inerenti questioni di nostro precipuo interesse. Siamo interessati a far girare i titoli di opere che possono essere utili alla nostra causa o alla conoscenza più approfondita del periodo di storia, [siamo oltre il secolo], che riguarda il nostro paese, l'Europa, ed in generale il mondo intero.
Siamo anche disponibili a recensire i libri o tutte le opere di interesse comune. Non neghiamo che gradiremmo recensire opere di vasto respiro su questioni geopolitiche, eurasiatiche, compresi i retroscena della vita nazionale. In ogni caso gli interessati devono spedire due copie delle opere che intendono far conoscere, perchè devono essere lette e giudicate da almeno due lettori, al seguente indirizzo: dr Giorgio Vitali, via Marano Equo, 32 00189 Roma.
La collaborazione al nostro sito è aperta a tutti coloro che intendono esprimere la propria opinione sugli argomenti qui trattati, a patto che questa sia motivata e documentata. Non si accettano esternazioni estemporanee, né affermazioni gratuite. La redazione si riserva di inserire articoli, brani e vignette in relazione alla loro documentata funzionalità al progetto informativo perseguito. Gli autori degli articoli si assumono la piena responsabilità di quanto da loro scritto.

 

Qualsiasi collaborazione si intende a titolo gratuito.

Giorgio Vitali

.

.

.Responsabile sito:

giorgiovitali.vitali1@gmail.com

Giorgio Vitali, via Marano Equo, 32 00189 Roma

 

Curatore sito:

Flavio Laghi, Piazza G. Mazzini, 3 - Modigliana (FC)

 

Dichiarazione ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62

 

Questo sito non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare".

Gli aggiornamenti sono effettuati senza scadenze predeterminate o regolari
e consistono in migliorie/approfondimenti a quanto già pubblicato
senza rinnovare completamente i contenuti precedenti
.